Il ritorno di Second Life nel 2020

LFV News, Second LifeNo Comments

You Are Here:, Second LifeIl ritorno di Second Life nel 2020

Per una volta tanto, scrivo nella mia lingua originale, in italiano. Questo blog e questa community si esprime per lo più in inglese dato che raccoglie persone in Second Life un po’ da tutto il mondo: dalla vicina Svizzera e Spagna, al più lontano Sud America con Colombia, Perù e Argentina.

Second Life, per me, è una grid molto importante sia a livello lavorativo che educativo. La mia tesi di laurea in informatica è stata fatta in parte su questa fantastica grid nata nel 2003 per opera della Linden Lab. Un mondo virtuale 3D che era divenuto la piazza più famosa dei primi del 2000 perché era una novità, una cosa mai vista prima, era il futuro. Qui si poteva vivere una seconda vita e ci si poteva dare una seconda possibilità, anzi, infinite possibilità. Chiunque avesse avuto il bisogno di evadere dalla vita reale, creandosi un avatar, poteva farlo e poteva provare ad essere qualcun altro; poteva stringere rapporti con persone nuove, nel tentativo per molti di sentirsi meno soli. Non a caso, Second Life è stato anche uno strumento di supporto psicologico, divenendo il primo caso di avatar therapy, quando, nel 2006, si aprì il Center for Positive Mental Health su iniziativa di un medico americano.

Come tutte le cose, negli anni dal 2015 in poi, ha avuto un declino di utenti online e di notorietà; a mio avviso normale dopo oltre 10 anni di attività. Si iniziavano a leggere articoli vari di grandi “esperti” che dichiaravano questa grid morta o comunque obsoleta e al tramonto visto che molti utenti, anche storici, abbandonavano la piattaforma.

Ma il 2020, un anno che noi tutti ci ricorderemo per sempre per la incredibile pandemia di Covid-19 che ha colpito il nostro pianeta, è stato in un certo senso un anno di rilancio per Second Life. Si, perchè la gente, obbligata alla quarantena, ha riscoperto quanto fosse bello il mondo virtuale che si era creato anni fa. E, anche noi, vecchia community calcistica di questa piattaforma, abbiamo rimesso online il nostro gioco per dare alle persone un momento di felicità e di evasione dalla tristezza che ha colpito la nostra vita reale. Si, perchè qualcuno può trovare divertente ritrovarsi con vecchi amici di un tempo e dare due calci virtuali a un pallone. Personalmente ho ritrovato online vecchi amici di oltre 10 anni, e ho notato che la mia vecchia friendlist aumentava di persone online giorno dopo giorno. Ora, da qui a dire che Second Life è tornata all’epoca d’oro del 2007-2010 no di sicuro, però insomma si respira un’aria diversa, la gente si riconnette ancora, vuole imparare ancora a creare qualcosa, aggiungere uno script, o semplicemente viaggiare e visitare per le varie SIM.

OggiLinden Lab rilancia Second life con uno scopo diverso: mettere a disposizione la piattaforma per coloro che vogliano socializzare e comunicare in maniera differente, in un momento in cui il lockdown è globale e il distanziamento sociale è un ordine. L’intento è soprattutto quello di rivolgersi alle aziende e alle organizzazioni, focalizzandosi principalmente sull’aspetto lavorativo e di studio. Uno strumento, quindi, per far incontrare lavoratori, professionisti, alunni e docenti.

Personalmente, io trovo l’esperienza di e-learning in Second Life una cosa bellissima, non a caso la mia tesi di laurea del 2008 tratta proprio e-learning in Second Life, ci avevo visto giusto 12 anni fa insieme a tantissime altre persone, e questa cosa la stanno riscoprendo anche i nuovi nel 2020. Si può interagire, socializzare, insegnare e imparare con un avatar in un mondo virtuale. Si può far parlare questo avatar con la propria voce utilizzando un semplice microfono, quindi sono lezioni online o meeting lavorativi veri e propri.

Per comunicare pur non potendosi vedere e toccare “realmente” ci sono tante possibilità, lo sappiamo bene. Inutile citare Skype, Zoom o HousepartySecond Life è, ancora oggi, effettivamente l’unica piattaforma tridimensionale, completa e organica, che, attraverso un PC e una normale connessione Internet, permette gratuitamente di tuffarsi nell’infinito universo Linden Lab.

Il messaggio della Linden Lab: “abbiamo creato il portale perché ci sono state molte richieste da parte di studi professionali e clienti, che volevano un luogo sicuro e confortevole dove incontrare i loro partner commerciali. Del resto, questi sono tempi spaventosi. All’inizio ci siamo sentiti troppo opportunisti ma poi abbiamo pensato che in realtà stavamo fornendo un’ottima soluzione per coloro che in questo momento hanno un’esigenza che altri non riescono a soddisfare, non come può fare Second Life”.

Ho notato purtroppo che SIM o comunque posti di riferimento in Second Life per italiani nel 2020 ce ne sono pochissime, o meglio, ho fatto delle ricerche di vecchie SIM, luoghi e persone che ero solito frequentare, ma la maggior parte sono offline. Una menzione di eccezione però va fatta a Camp Italia, forse l’unico Gateway italiano rimasto online, che accoglie i nuovi italiani in Second Life, e intrattiene i membri con eventi e lezioni settimanali. Farò presto un articolo su questo fantastico posto che ho vistitato, tra le altre cose la proprietaria della SIM è una mia cara vecchia amica per cui sarà doppiamente un piacere farvi vedere la bellezza di questa regione.

A tal proposito, questa community, oltre a fornire un valido e allo stesso tempo complesso sistema di gioco in Second Life, vuole essere un punto di aggregazione e di insegnamento per le persone. I nuovi utenti italiani in questa grid potranno contare sul nostro supporto.

Alistar Snook

About the author:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Top